Le Baccanti di Euripide - SIRACUSANDO Il Portale di Siracusa

24/02/2020
Vai ai contenuti

Le Baccanti di Euripide

Rappresentazioni Classiche
LE BACCANTI
Opera di |Euripide
Traduzione |
Regia |
TRAMA


Il dio Dioniso assume aspetto umano e, in un prologo minaccioso, dichiara di volersi vendicare dei reali di Tebe, sia le sorelle di sua madre Semele, che negarono la sua nascita da Zeus, sia il loro nipote e re Penteo, che non lo riconosce come un dio. A Tebe lo accompagnano le Baccanti di Asia, che nel canto di entrata lodano l’estasi dionisiaca. Il vecchio re Cadmo e l’indovino Tiresia dichiarano di voler aderire al nuovo culto, ostacolati subito da Penteo, che ne depreca i riti. In tre colloqui con Dioniso, però, si lascia lentamente impressionare dei ‘miracoli’ del dio e sedurre al punto da travestirsi da donna per spiare, non vinto, le Baccanti tebane. Lo attende un terribile destino di sangue.
DATE
MAGGIO
08/10/12/14/16/20/22/24/26/28/30
GIUGNO
03/06/10/13/18/21/23/26
LUGLIO
01/04
Copyright © 1999/2020 - Siracusando.it - Tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti